Huawei, ICO Valley e Torino Wireless insieme per un master erogato da Politecnico di Torino e Università di Torino

15 Dicembre 2021
Presentato il 10 dicembre, il primo master universitario italiano sul Behavioural Design partirà a Torino nella primavera del 2022.

Venerdì 10 dicembre Eduardo Perone, Vicepresidente Business Development Huawei Western Europe e Massimiliano Cipolletta, Presidente di Fondazione Torino Wireless, hanno firmato l’accordo per il lancio del Master Universitario sulle tematiche del Behavioural Design. Presenti alla cerimonia anche il Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, il Viceministro dello Sviluppo Economico Gilberto Pichetto Fratin e la Presidente del Comitato Promotore ICO Valley, la Senatrice Virginia Tiraboschi.

L’accordo di collaborazione prevede il lancio di una serie di iniziative congiunte per lo sviluppo e la crescita di alte competenze in Piemonte, utili per transizione digitale di aziende private e pubbliche amministrazioni, a partire dall’inizio del 2022. Alla base dell’iniziativa c’è la convinzione da parte dei soggetti promotori dell’importanza del mantenimento della figura umana al centro del processo innovativo, per evitare che il progresso causi ulteriori disuguaglianze sociali ed economiche.

Inizialmente il focus sarà sull’alta formazione, per la creazione di nuove competenze interdisciplinari per un futuro più tecnologico, innovativo, digitale, inclusivo e sostenibile. A questo scopo, la prima delle progettualità che verranno lanciate è il programma del master in Behavioural Design, offerto da Politecnico di Torino e Università degli Studi di Torino e pensato e sviluppato dallo Human Digital Hub di Ico Valley, soggetto promotore dell’accordo, e da Fondazione Torino Wireless. Questo master, il primo e unico in Italia di questo genere, sarà finanziato da borse di studio erogate da Huawei e altre imprese che parteciperanno all’iniziativa e si terrà nella sede di ICO Valley a Ivrea, a partire dalla primavera 2022. 

La presenza di un ecosistema locale molto attivo sui temi della digitalizzazione, dell’intelligenza artificiale e dell’innovazione tecnologica ha convinto i vertici di Huawei a supportare questo progetto, allo scopo di creare una partnership strutturata e consolidata con il nostro territorio che aprirà a un proficuo scambio reciproco di competenze.

Massimiliano Cipolletta, Presidente della Fondazione Torino Wireless, ha dichiarato: “Per Torino Wireless è naturale e strategico stringere accordi di collaborazione con player nazionali e internazionali, in ambito innovazione e digitale. La priorità dei prossimi anni è quella di un forte investimento sulle competenze digitali diffuse, a partire dall’alta formazione fino all’alfabetizzazione, coniugando temi tecnologici e un forte approccio human-centered. L’intesa di oggi consolida a livello nazionale il ruolo del Piemonte sui temi del digitale”.

Eduardo Perone, Vicepresidente Business Development Western Europe di Huawei, ha aggiunto: “Nel nostro programma di Corporate Social Responsibility il supporto allo sviluppo dei talenti e delle competenze digitali occupa un ruolo fondamentale. Per questo collaboriamo con gli ecosistemi nazionali e regionali impegnati su questo fronte; siamo quindi entusiasti di annunciare l’accordo con Fondazione Torino Wireless e ICO Valley.  Crediamo fortemente nella formula delle partnership pubblico-privato per stimolare l’innovazione sul territorio, la crescita delle competenze digitali e l’umanizzazione delle tecnologie”.

Virginia Tiraboschi, Presidente del Comitato Promotore di ICO Valley, ha concluso: “L’attenzione che si è accesa sul nostro territorio e sulle attività da noi proposte non può che renderci orgogliosi delle scelte che sono state fatte e confermare la giusta direzione intrapresa. D’altronde la dimensione innovativa in cui si pone ICO Valley, sia con la sua Academy che con il suo Acceleratore, risponde appieno all’inclinazione di un territorio che, a partire dal secolo scorso, ha costantemente manifestato la sua vocazione pionieristica. L’obiettivo è diventare un punto di riferimento per i giovani provenienti da tutto il mondo“.

Autore

Luca Coppolella
Head of Content

Condividi questo articolo

Argomenti

Ultimi articoli

Risorse utili

Come si brevetta un software?

Se la tua startup si occupa di software leggi la seconda parte della nostra guida per proteggere la proprietà intellettuale del tuo lavoro.

Italian