La startup torinese Re Learn fa il pieno di premi all’Innovation Village Award 2021

8 Ottobre 2021
L’iniziativa ha assegnato tre premi al cestino smart NANDO, il dispositivo che grazie al machine learning automatizza il processo di differenziazione dei rifiuti.

Innovation Village Award è un premio annuale che valorizza le esperienze di innovazione realizzate nei territori, che possano apportare un contributo per il raggiungimento dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dall’Agenda 2030 dell’ONU, istituito e sostenuto da Knowledge for Business, ASviS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile ed ENEA – Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

La startup torinese Re Learn ha presentato il suo prodotto NANDO, un cestino che si occupa in maniera automatizzata di suddividere e categorizzare i rifiuti grazie all’intelligenza artificiale: con l’utilizzo di tecniche di machine learning e image recognition può riconoscere il materiale di cui è composto un rifiuto per riporlo nel contenitore corretto. Anche se non ancora in commercio il cestino NANDO ha già raccolto molto successo in svariati contest di settore e dedicati alle startup. Durante l’Innovation Village Award conclusosi pochi giorni fa Re Learn ha portato a casa la vittoria assoluta della IV Edizione, il Premio Opus Automazione e la Menzione speciale Premio Best Practices Confindustria Salerno.

La call di quest’anno era rivolta alla ricerca di una tecnologia, un prodotto o una soluzione già sul mercato, o testata a livello di prototipo, sviluppata negli ultimi due anni e in grado di apportare come valore aggiunto un beneficio dimostrabile in termini di sviluppo sostenibile e riconducibile a uno o più dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile. In gara innovatori, professionisti, maker, ricercatori, associazioni e fondazioni, PMI, Imprese sociali, startup innovative e spinoff costituiti.

Le 7 aree tematiche includevano Digital manufacturing, Design, Edilizia, Artigianato digitale, Nuovi materiali e Materiali avanzati, Smart Technologies, IT, IoT, Robotica, Fintech, Beni culturali, Innovazione e ricerca sociale, Accessibilità, Istruzione e Formazione, Housing sociale, Turismo sociale e culturale, Medtech, Healthcare, Sportech, Sostenibilità ambientale, Energia, Mobilità sostenibile, Smart cities, Agritech, Foodtech.

Autore

Luca Coppolella
Head of Content

Condividi questo articolo

Argomenti

Ultimi articoli

Risorse utili

Come si brevetta un software?

Se la tua startup si occupa di software leggi la seconda parte della nostra guida per proteggere la proprietà intellettuale del tuo lavoro.

Italian