Punch Torino apre Softronix, un nuovo polo dedicato all’elettronica

26 Novembre 2021
Dopo l’investimento di 40 mln € sull’idrogeno verde, l’ex controllata General Motors continua a investire sul nostro territorio.

Punch Torino dopo la costituzione di Punch Hydrocells, società interamente dedicata alla tecnologia basata sull’idrogeno, creerà un polo dedicato a elettronica, controlli e software. La nuova SBU, Punch Softronix, sarà un parziale spin-off e manterrà in organico tutte le 178 persone che attualmente lavorano nel reparto Controlli.

Punch Torino, nata nel 2005 come Centro di ingegneria e sviluppo di General Motors, dal 2020 è stata incorporata nel Gruppo Punch e funge da polo di ricerca e sviluppo all’avanguardia per quanto riguarda la realizzazione di motori, propulsori e mobilità di ogni tipo. Grazie al lavoro dei suoi 750 dipendenti, Punch Torino ha ricavi annui stimati vicini ai 100 mln €.

Punch Torino, grazie alle competenze maturate nella progettazione meccanica dei sistemi di propulsione, arricchirà la propria offerta con lo sviluppo di soluzioni innovative con applicazioni in campo automotive, marittimo e industriale, con motorizzazioni ibride, e con sistemi e-Drive anche a supporto della recente joint venture Marelli Electric Powertrain. Continuerà anche lo sviluppo di soluzioni di micro-mobilità urbana grazie al recente lancio del pluripremiato scooter elettrico Lynx.

Pierpaolo Antonioli, AD di Punch Torino, ha commentato: “Stiamo creando aziende agili e focalizzate per rispondere più efficacemente alle richieste dei partner e dei clienti. Allo stesso tempo rafforziamo il Gruppo Punch con capacità progettuali e industriali che lo renderanno protagonista nell’affrontare le sfide poste dalla nuova mobilità e dalla transizione energetica“.

Alberto Pisoni, Capo del dipartimento Controls di Punch Torino e futuro direttore operativo di Punch Softronix, ha aggiunto: “La decisione di costituire una società focalizzata su elettronica, controlli e software nasce dall’esigenza di valorizzare le competenze distintive finora acquisite in quest’area altamente strategica e innovativa. Inoltre, permetterà di essere ancora più visibile nei confronti di clienti e partner, e di svilupparsi ulteriormente attraendo nuovi talenti dalle università del territorio, con un accesso più agevole a progetti finanziati”

Autore

Luca Coppolella
Head of Content

Condividi questo articolo

Argomenti

Ultimi articoli

Risorse utili

Come si brevetta un software?

Se la tua startup si occupa di software leggi la seconda parte della nostra guida per proteggere la proprietà intellettuale del tuo lavoro.

Italian