Newsletter “Segnali di Fumo” → Iscriviti ora

Il Politecnico di Torino ospita il progetto MEloDIZER per il riutilizzo delle acque contaminate

Il progetto è finanziato dall'Unione Europea e ha lo scopo di produrre in modo sostenibile i componenti necessari per riutilizzare e valorizzare le acque contaminate.

Il Politecnico di Torino ha ospitato il meeting di avvio del progetto europeo MEloDIZER, coordinato dall’Ateneo torinese, che coinvolge un consorzio di 18 partner provenienti da 9 Paesi dell’Unione Europea, oltre a Svizzera e Israele. Il progetto si concentra sulla distillazione a membrana, una tecnologia promettente per la dissalazione dell’acqua ad alta salinità e il riutilizzo delle acque contaminate.

L’obiettivo della ricerca è la fabbricazione di componenti di distillazione a membrana su larga scala e sostenibili, che sostituiscono materiali dannosi con altri non nocivi e si basano sui principi della chimica verde. L’efficienza energetica della tecnologia è un altro aspetto su cui verrà posto l’accento, operando utilizzando solo calore di scarto o energia solare. Il progetto, finanziato dall’Unione Europea, ha un contributo di oltre 7 milioni €, di cui 1,4 destinati al Politecnico di Torino, e avrà una durata di quattro anni. Saranno sviluppati e testati prototipi a livello industriale nei settori tessile, chimico, acquacoltura e bevande per il recupero dell’acqua contaminata. L’obiettivo è di ridurre l’impronta idrica del comparto produttivo e avvicinarsi al target rifiuti-zero, recuperando anche materie prime secondarie di valore dalle acque contaminate.

Inoltre, MEloDIZER intende dimostrare il funzionamento di sistemi di produzione di acqua potabile passivi, autonomi, economici e su piccola scala, utilizzando come unica fonte energetica l’energia solare. L’ambizione del progetto è contribuire all’utilizzo sostenibile della risorsa idrica, all’accesso alle materie prime critiche e alla transizione verso processi azionati da energie rinnovabili. CleanWaterCenter@Polito del Politecnico di Torino ospiterà i laboratori per lo sviluppo dei prototipi di questa tecnologia innovativa per il trattamento sostenibile delle acque.

Il professor Alberto Tiraferri, docente del Dipartimento di Ingegneria dell’Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture-DIATI del Politecnico e coordinatore del progetto insieme al professor Matteo Fasano del Dipartimento di Energia-DENERG, spiega che “con questo progetto raggiungeremo la prossima generazione della tecnologia, sia considerando le più alte prestazioni e l’efficienza energetica, sia dal punto di vista della sostenibilità dei materiali e del tipo di fonti energetiche utilizzati, dimostrandone quindi l’implementazione per la riduzione dell’impronta idrica delle industrie e per l’approvvigionamento di acqua potabile in zone soggette a forte siccità“.

Autore

Vanessa Lazzerini
Innovation Consultant

Argomenti

Ultimi articoli

Risorse utili

Come lanciare un prodotto

Come lanciare un prodotto

Il lancio per una startup è un momento cruciale che non va sottovalutato ma nemmeno temuto, se affrontato correttamente.

Segnalaci
le tue news

Se hai qualche notizia interessante sulla tua azienda o startup e vuoi darle risalto attraverso le nostre pagine compila il form per segnalarcela.

Ho una news succulenta per ToTeM

Trattamento dei dati

Main Partner
Logo Fondazione Compagnia di San Paolo
Logo di Fondazione Sviluppo e Crescita CRT
Technical Partner