Una giornata da visionari

25 Novembre 2020
Sabato 21 novembre abbiamo partecipato, come community partner, a Visionary Days: 10 ore di maratona online per i giovani che vogliono scrivere il futuro.

Dopo la maratona di giugno dal titolo Quale futuro?, durante la quale i partecipanti si sono messi in collegamento con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e con il Ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport Vincenzo Spadafora per creare un documento condiviso da portare sul tavolo del Governo contenente la loro visione del futuro, sabato scorso si è tenuto il secondo grande appuntamento di quest’anno con l’evento di Visionary, la community di persone che “spinte dalla voglia e della necessità di cambiamento, senza attendere altro o altri, scrivono il Futuro”.

Questa volta la domanda a cui rispondere è stata “Quali confini nel nuovo mondo?”: si è parlato di confini umani, sociali, politici, geografici, fisici e spirituali. Ogni volta che ci separiamo in qualche modo dal nostro prossimo creiamo un confine intorno a noi ma il futuro umano con quali di questi dovrà confrontarsi?

Inizialmente programmato in presenza e in 5 diverse città, a causa dei recenti sviluppi della pandemia da Covid-19 l’intero evento è stato ripensato in digitale: tutto lo staff e gli ospiti dei Talk e dei Panel sono andati in onda in streaming da un set a 360° circondato da luci, effetti laser e led wall allestito alle OGR Officine Grandi Riparazioni di Torino e connesso con tutta Italia.

Visionary Days si è articolato in una diretta continuativa su YouTube composta da Talk motivazionali e Panel tematici e da più di 30 tavoli virtuali sulla piattaforma per videoconferenze Zoom dove i gruppi di lavoro hanno rielaborato i contenuti di ogni Talk andando a comporre, grazie all’intelligenza artificiale LEE, il Manifesto di Visionary Days 2020 sulle tematiche verticali trattate: Popoli, Mondo, Uomo, Società, Risorse, Spirito e Azione.

Popoli

Come trovare un nesso tra popoli e confini, sia quelli che stanno scomparendo che quelli nuovi che si creano ogni giorno influenzando il potere e le persone?

Mondo

Come vivere, concepire e vedere il mondo, come sentirsene parte e quale nostro contributo singolo può davvero avere effetto su tutto il pianeta, permettendoci di superare gli individualismi?

Uomo

Il futuro sarà dell’uomo o della tecnologia? Cosa fa paura della tecnologia, quali sono le opportunità e i limiti etici che porta con sé? Date le differenze sociali che può creare la tecnologia l’uomo sarà inevitabilmente sempre più solo o potrà fare qualcosa per evitarlo?

Società

Come superare o persino distruggere i confini sociali che nascono dalla separazione e dai pregiudizi e che, anche se invisibili, a volte sembrano più invalicabili di altri?

Risorse

Come confrontarsi con il consumo di risorse, sempre più scarse, imparando a gestirle e prestando attenzione all’ambiente? Come ripensare i nostri modelli di sviluppo e di crescita per avere un impatto positivo sul pianeta attraverso comportamenti più sostenibili?

Spirito

Quali confini nascono dentro di noi e come si fa a superarli quando sono autoimposti e siamo noi stessi a considerarli fermamente invalicabili? Come si superano le nostre certezze quando sono evidentemente sbagliate, già per noi stessi?

Azione

In che modo possiamo davvero agire per un futuro più giusto, eliminando i confini della disuguaglianza e entrando in una dimensione collettiva di cambiamento, che non lasci nessuno indietro?

Anche questa volta, durante la pausa pranzo, si è collegato in videoconferenza il Ministro Vincenzo Spadafora ribadendo nuovamente come questo progetto, nato a Torino e man mano diffusosi in tutta Italia anno dopo anno, stia diventando un riferimento nazionale per tutte quelle persone giovani che vogliono e credono di poter scrivere il futuro, siglando il suo impegno per far sì che la voce di ognuna di loro non resti inascoltata.

(Foto di copertina: Visionary Days – fonte pagina Instagram @visionarydays)

Autore

Luca Coppolella
Head of Content

Condividi questo articolo

Argomenti

Ultimi articoli

Risorse utili

Come si brevetta un software?

Se la tua startup si occupa di software leggi la seconda parte della nostra guida per proteggere la proprietà intellettuale del tuo lavoro.

Italian